green washing* o good news ?

Ieri il Corriere della Sera è uscito con il primo numero “ufficiale” (erano già  usciti un paio di numeri zero) del suo inserto verde.
Si chiama Sette Green, la versione verde di Sette. Il formato è identico a quello d
el magazine Sette, fogli grandi (che personalmente non ho mai amato, preferisco i formati più tascabili), fogli opachi non patinati, stampati su carta FSC (come anche Sette del resto).
Per ora sono arrivata a leggerne metà . Gli articoli sono per forza di cose poco tecnici e un po’ generalisti, alcune rubriche firmate da penne famose (Fulco Pratesi e Cristina Gabetti ad esempio), abbastanza belle le foto, pubblicità  in tema, una rubrica di moda verde (???).

Devo ancora decidere se mi piace o meno.

E’ il segno di un cambiamento anche per il Corriere, storicamente giornale sempre uguale a se stesso e poco incline alle innovazioni o è un altro caso di green washing ?

*Green washing: darsi una “pennellata” di verde, un lavaggio nella tinozza dell’ambientalismo per appropriarsi di virtù ecologiste e distogliere lo sguardo dal reale impatto sull’ambiente.

Rispondi