Vendesi

Due mesi e mezzo. Tanto (o poco) manca alla casa nuova.
Fortunatamente abbiamo deciso di comprare la nuova già  ammobiliata, ed è stata, secondo me, un’ottima scelta.
Il mobilio è di ottima qualità  e tenuto benissimo, così noi possiamo risparmiare un bel po’ e se fra qualche anno decideremo di cambiare ci sembrerà  di avere casa nuova un’altra volta.
Ma anche il nostro minimonolocale lo vendiamo con i mobili.
Evitiamo la produzione di nuovi mobili e lo spreco di quelli vecchi e risparmiamo anche i soldi del trasloco o dell’eventuale deposito dove stoccare i vecchi in attesa di un altro utilizzo.

Alcune cose però non posso lasciarle dentro e non voglio nemmeno portarle nella casa nuova.
Ad esempio gli accessori per Leo (fasciatoio, passeggino…) per cui ho iniziato a spargere la voce che vendo un po’ di cose.

Ho scelto di vendere, ma non mi interessa guadagnare e non lo faccio per i soldi. Lo faccio perchè nella casa nuova non voglio portare niente di superfluo, per non parlare della stupidità  di spostare le cose inutili da una cantina all’altra.
Inoltre pensare che quel che sarebbe finito in discarica ha una seconda vita e serve a qualcuno mi da una piccola soddisfazione.

C’è sempre un po’ di titubanza nei riguardi dell’usato… chi pensa che schifo, chissà  chi l’ha usato, chi dice che non ne vale la pena…
Io penso invece che quando è possibile è sempre una buona scelta.

Le possibilità  di vendita sono molteplici, da Ebay Classic o Annunci (al momento è l’opzione che ho scelto io, per evitare i costi di spedizione e le commissioni per l’annuncio), il passaparola sui vari social network (su Facebook ho creato un bell’album con le foto dei miei oggetti e mandato una mail a tutti i contatti annunciando l’apertura del mercatino…).
Per gli articoli per bimbi poi il mercato è molto attivo, io stessa ho comprato parecchie cose usate attraverso Ebay o negozi specializzati come Babybazar.

Molto interessanti sono i siti di scambio e baratto come ZeroRelativo o Barattopoli.
Per quanto mi riguarda preferisco vendere e non scambiare perchè voglio proprio liberarmi di queste cose e non avere niente in cambio. Credo di avere fin troppe cose e penso di non avere bisogno di niente al momento.
Il minimonolocale è pieno pieno e ora sento proprio la necessità  di avere spazio con tutti i vantaggi che ne conseguono.

Il primo vantaggio è quello pratico, meno cose da pulire e da sistemare, ma soprattutto più ordine. Il caos che ora regna nel minimonolocale mi rende nervosa, mi distrae, mi impedisce di rilassarmi e di godere della mia casa. Ho tanti oggetti ma non riesco a utilizzarne bene nessuno.

Voglio una casa nuova minimal, solo quello che mi piace, che ho scelto io (o meglio noi…) e che mi fanno veramente piacere.

Rispondi