il diritto alla mobilità 

Mercoledì sera abbiamo avuto una notizia molto sconfortante, Area C è stata sospesa per decisione del Consiglio di Stato.
Riassumo brevemente quanto accaduto.
Una società  di parcheggi situata all’interno di Area C aveva fatto ricorso al Tar contro Area C nel mese di giugno, ma il Tar aveva respinto la richiesta di sospensione.
Il processo amministrativo è andato avanti e il Consiglio di Stato ha ribaltato la sentenza e sospeso preventivamente Area C. Ora la palla ripassa al Tar che dovrà  di nuovo fissare un’udienza. Si spera in tempi brevi, ma dalle prime indiscrezioni non potrà  essere prima di metà  novembre.
Un’eternità , se si pensa ai risultato ottenuti finora grazie all’introduzione del ticket.

I dati parlano chiaro, Area C fa bene alla salute.

Da gennaio a giugno il calo complessivo degli ingressi nella Ztl Cerchia dei Bastioni è del 34%, rispetto allo stesso periodo del 2011, gli ingressi occasionali sono stati il 75% e soprattutto il Black Carbon all’interno dell’area è diminuito del 40%.  I dati e le relazioni sono presenti sul sito del Comune di Milano.

Purtroppo questi numenri non sono stati sufficienti per il Consiglio di Stato, che ha accolto il ricorso della Mediolanum Parking SpA.

La decisione è stata “supportata” dal fatto che Milano non ha un Piano del Traffico aggiornato, ma quanti provvedimenti si prendono senza un piano ?
Dice bene Paolo Hutter , perchè si lasciano partire i lavori dei vari Tav senza pretendere una programmazione delle priorità  di un Piano nazionale logistica e trasporti?

Se il garage si è sentito penalizzato dall’introduzione del ticket, io mi sento doppiamente penalizzata dalla sua sospensione. Non soltanto per la qualità  dell’aria che tornerà  a peggiorare (per non parlare di congestione del traffico e quindi dell’aumento di disagi e problemi per chi viaggia con i mezzi pubblici e con la bicicletta), ma anche perchè il mancato introito dei proventi di Area C, si traduce in un mancato finanziamento a altre attività  a sostegno della mobilità  sostenibile.

Putroppo non solo è prevalso l’interesse privato di un singolo contro l’interesse di tutta la collettività , è prevalsa la logica (tutta italiana aggiungerei…) che muoversi in macchina è un diritto.

Ma chi l’ha detto ? MUOVERSI è un diritto. E basta. Chi l’ha detto che devi per forza muoverti in macchina ? Chi l’ha detto che devi per forza entrare nel centro senza pagare ? Chi l’ha detto che io sono obbligata a respirare i tuoi gas di scarico ?
Spero che il Comune di Milano approvi in tempi brevi una ZTL provvisoria.
Dopo tanti sforzi compiuti per arrivare a una significativa riduzione degli ingressi non si può mandare lasciare che vada tutto a rotoli.
Londra e Stoccolma hanno dimostrato che la congestion charge funziona. Facciamola funzionare anche da noi.

Una cosa buona questa sospensione ce l’avrà . Darà  la prova ai commercianti che Area C non è la fonte dei loro mali e che le loro casse non si riempiranno lo stesso. Chi vuole andare a fare compere in centro non si lascia fermare da un ticket da 5 euro, sono gli xxx euro per lo shopping che mancano…

Da parte mia continuerò a comportarmi come se Area C fosse ancora attiva. Come non giravo in centro prima, non ci giro ora. Come non parcheggiavo prima, non ci parcheggio ora. Invito tutti a fare lo stesso.

Dimostriamo che siamo un paese civile e che il buon senso prevale su tutti gli interessi.

Rispondi