è ora di dire #bastamortinstrada

Tenetevi liberi domani sera e gonfiate le gomme della vostra bicicletta perché in tutta Italia ci sarà  una grande manifestazione.

Partiamo dall’inizio o meglio dalla fine, dall’ultimo triste episodio che ha colpito ancora una volta una persona sulle nostre strade.
Domenica scorsa una ragazza di 17 anni era in gita con il suo gruppo scout in bicicletta quando è stata travolta da un SUV.
Il SUV le è piombato addosso, ha trascinato il suo corpo per 200 metri e si è fermato dopo 300 metri in un campo. L’uomo alla guida era ubriaco, la velocità  del bolide eccessiva, non poteva non averla vista, era pomeriggio ed erano in gruppo.
Non tutti gli incidenti sono causati dall’alcool, non prendiamo questo come pretesto per sorvolare sulla situazione.
Spesso la causa è il delirio di onnipotenza che prende gli uomini quando si mettono al volante, protetti dai loro airbag, dai sedili avvolgenti, dalla sensazione che la striscia di asfalto che stanno cavalcando è stata creata solo per loro.

La pericolosità  dei SUV è sotto gli occhi di tutti, molte strade sono in condizioni pietose, l’educazione civica non si sa cosa sia. Dall’inizio dell’anno sono già  morti sulle strade 217 ciclisti e 619 pedoni, quasi un morto al giorno.
Eppure non si fa niente, non c’è una visione politica su questo problema, non si condannano come dovrebbero gli automobilisti omicidi. La pena è generalmente di qualche anno, con la condizionale e senza precedenti arrivano a non scontare nemmeno un giorno in carcere.
Nessuno di noi è al sicuro, molti di noi lasciano a casa la bicicletta e prendono la macchina proprio perchè hanno paura delle macchine.

E’ ora di dire basta, di dare un segnale forte, di farci sentire, di manifestare PER NOI, per la nostra sicurezza, perché è un nostro diritto.
Il movimento #salvaiciclisti ha organizzato per domani sera una manifestazione in moltissime città  italiane per dire #bastamortinstrada.
Sul sito di Salvaiciclisti tutte le info, le città  e gli orari.
A Milano la biciclettata partirà  alle 19.00 da via Solari, la via dove lo scorso anno perse la vita Giacomo di 12 anni, mentre rientrava a casa e una macchina in doppia fila aprì la portiera all’improvviso.

Rispondi