la festa di Natale

Quando sono entrata nella sala ero già  emozionata, è bastato vedere tutta la gente e le stelle appese sul soffitto.
Ma io sono fatta così, un cuore di burro, ci vuole proprio poco per farmi emozionare.
E’ la sua prima “vera” festa di Natale, quella dove lui è davanti a cantare e noi solo spettatori.
Inizia il gruppo dei grandi, i 5 anni, recitando Lo Zampognaro di Rodari e mi emoziono anche se il mio bimbo non è sul palco.
Poi il Sindaco, che dona la cittadinanza onoraria ai bambini stranieri, perché “le stelle sono come i bambini, uguali tra loro lontani o vicini”.

E poi eccoli, i piccolini. Arrivano con la corona in testa e la bacchetta magica.
Entra lui, con la maglietta a righe, la canottiera fuori dai pantaloni, non sta fermo un attimo… mentre tutti guardano il pubblico lui gli volta le spalle, è troppo preso a sventolare la sua bacchetta.
Poi inizia la musica e si mette in posizione, ecco che si gira e ci vede.
E in quel momento ha fatto il sorriso più bello del mondo. La felicità  di vederci e l’orgoglio di essere lì a fare una cosa che non  aveva mai fatto, e da solo. E poi il saluto con la manina e altri mille sorrisi.
Non c’è lavoro, riunione o impegno che tenga. Non mi perderei la festa di Natale per niente al mondo.

PS: Lo Stelliere è una canzone dello Zecchino d’Oro scritta da Bennato…

Abito nel cielo dall\’altra parte della luna
Dove volano i sogni in cerca di fortuna
Accendere le stelle è questo il mio mestiere
Io di notte faccio… lo stelliere
Uacciu-uari-uari-ua ci-bum ci-bum
Uacciu-uari-uari-ua ci-bum ci-bum
Come immaginerete le stelle sono tante
E faccio una grande fatica per accenderle tutte quante
Su e giù per l\’universo ininterrottamente
Perché le stelle son sogni e non posso lasciarle spente
Oh no…oh no…
E allora accendi le stelle tu sai come si fa
Per ogni stella che brilla un sogno nascerà 
Accendi le stelle, accendine più che puoi
Sulle stelle ci sono tutti i sogni che facciamo noi.
Uacciu-uari-uari-ua uacciu-uari-uari-ua
Uacciu-uari-uari-ua uacciu-uari-uari-ua
Proprio come una stella ogni sogno sembra lontano
Ma è molto più vicino di quanto immaginiamo
E non devi fare altro che crederci veramente
Io penserò alle stelle…non le lascerò mai spente!
Oh no…oh no…
E allora accendi le stelle tu sai come si fa
Per ogni stella che brilla un sogno nascerà 
Accendi le stelle accendine più che puoi
Sulle stelle ci sono tutti i sogni che facciamo noi.
Uacciu-uari-uari-ua uacciu-uari-uari-ua
Uacciu-uari-uari-ua uacciu-uari-uari-ua
Adesso se mi chiedono da grande che vuoi fare
So cosa rispondere, so cosa sognare
Accendere le stelle, sarà  questo il mio mestiere
Voglio fare anch\’io….lo stelliere
E allora
Accendi le stelle tu sai come si fa
Per ogni stella che brilla un sogno nascerà 
Accendi le stelle accendine più che puoi
Sulle stelle ci sono tutti i sogni che facciamo noi.
Accendi le stelle,
Accendine più che puoi
Accendi le stelle!


Rispondi