Ciao Buckino

Con quella codina ricciolina e quella zampina che quando correvi buttavi un po’ in là eri inconfondibile.
Nel quartiere ti conoscevano tutti, abbaiavi a tutti i maschi e rincorrevi tutte le cagnoline.
Eri proprio un terribilino.

251620_2078377081160_1084394_n
Questa mattina ci hai lasciati dopo 19 anni vissuti insieme.
Sei stato bene fino a pochi giorni fa, avevi voglia di uscire, di mangiare e di abbaiare, anche se la vista e l’udito erano diventati lontani…

CIMG0147

CIMG0148

Ti abbiamo trovato nel settembre 1995 che giravi da solo per i boschi in campagna. Eri magro magro e pieno di pulci. Ma ci siamo subito piaciuti.
Ti abbiamo portato a casa e mi ricordo quella notte… continuavi a salirmi sul letto per controllare che ci fossi ancora.
Forse non ti sembrava vero che qualcuno si prendesse finalemente cura di te, forse avevi paura che fosse tutto un sogno.
Invece era vero. Siamo stati insieme e non ci siamo mai lasciati.
Ti abbiamo portato fuori tutti i giorni, sole e pioggia, caldo o freddo… Quante passeggiate, quanti giri al parco al grido di “non tirare!” perchè ovviamente eri un trattore. E se ti lasciavamo da solo per qualche ora (il tempo di una spesa al massimo) al ritorno erano feste a non finire, ciabatte rubate e baci. Tanti baci.

CIMG0744

DSC_1222

DSC_1476

Ora te lo do io un bacino, sul quel naso nero ruvido che noi chiamavamo la Morositas, perchè era dolce come una caramella.

Grazie Buck per tutti questi anni insieme. Per l’amore che ci hai sempre dato, per i giorni insieme, per le dormite sotto il nostro braccio, per la compagnia, l’affetto e per tutto quello che ci hai insegnato.

Ciao Buckino, fai il bravo (e salutami i miei nonni lassù).

DSC_1467

 

6 thoughts on “Ciao Buckino

  1. Sig Luciano la capisco e sono vicina a lei e a sua moglie. Quando è successo a noi con Nuvola è stato tremendo. E per colmare il vuoto Che ha lasciato, è arrivata subito Mila . Fiorella Furlan se e quando vorrete, io ho i contatti giusti

  2. Ciao piccolo Buck.. Non posso e non voglio dimenticarmi di te.. Ora sei sul ponte dell’Arcobaleno e ci aspetti.. Salutami la mia Otto, anche se e’ una gattina.. E tutti gli altri.. Au revoir..

Rispondi