Il diario delle vacanze

Quanti di voi stanno già programmando un bel viaggetto per le vacanze di Pasqua ?
Sia che andiate lontano sia che andiate a fare una gita fuoriporta, l’importante è coinvolgere i bambini prima, nell’organizzazione e nella scelta del posto, ma è anche importante coinvolgerli durante la vacanza.

La scorsa estate abbiamo fatto un giro nell’Italia Centrale e ho cercato di programmare delle tappe dove ci fosse qualcosa di interessante anche per lui.
Girare tutti i giorni per centri storici può essere bello per noi adulti, ma un bambino di 4 anni, dopo mezz’ora che cammina vedendo solo strade e vetrine si stufa…
Visitanto tutti i giorni (o quasi) posti diversi, volevo che qualcosa si fermasse nella sua memoria e ho pensato di creare una specie di diario delle vacanze, anche per capire quali cosa lo aveva impressionato o divertito di più.

Prima ho cercato degli spunti un internet. Ho trovato dei lavori stupendi, delle vere opere d’arte e di design (guardare per credere).

Io che sono moooolto scarsa graficamente ho preso un quaderno A5 ad anelli abbastanza larghi che avevo in casa uno dei tempi dell’università, gli ho inserito dei fogli bianchi e ho iniziato a creare la copertina usando un cartoncino preso da una scatola di cereali.

Quando Leo ha visto che stavo iniziando a trafficare con forbice è matita è corso da me dicendo “lo faccio io”.
Il primo istinto è stato quello di dirgli, no dai faccio io che così viene più carino.
Ma poi ho pensato, ma che carino… è il SUO diario delle vacanze, è giusto che lo faccia lui, anzi sarà ancora più bello.

Così gli ho chiesto come volesse intitolarlo, diario di viaggio ? libro delle vacanze ? lui non ha avuto dubbi “Vado in Vacanza”.
Allora ho fatto la scritta sulla copertina con il pennarello nero (seguendo ovviamente le sue indicazioni su posizione e tipo di font) e poi lui l’ha colorato.

Dopodichè abbiamo pensato che ci voleva una decorazione che richiamasse il viaggio, allora ho ritagliato una strisciolina di cartoncino a fare una strada, ho disegnato una macchinina che ricordasse la nostra Clio azzurra e sul reto della macchinina ho fatto una specie di passante per infilarla sulla stisciolina di cartoncino. La macchinina può scorrere e correre sulla strada ! Leo ha colorato tutto, facendo anche le righe di mezzeria bianche sull’asfalto grigio !

la copertina del diario delle vacanze

la copertina del diario delle vacanze

Ho infilato il quaderno in un sacchetto di stoffa insieme a tutto l’occorrente per scrivere e disegnare (matita, gomma, temperino, pennarelli, più forbici, colla e scotch).

Una volta arrivati in vacanza, ogni sera dopo cena disegnava qualcosa relativo alla giornata, la sua personale visione di quello che avevamo visitato. Se avevamo raccolto bigliettini o cartoline ci attaccavamo anche quelli.

Ecco due pagine del nostro diario delle vacanze:

20140117_180833

Le grotte di Frasassi, con la galleria all’ingresso, una grande stalagmite e il biglietto d’entrata

la cascata delle Marmore, con gli schizzi, il balcone degli innamorati e tanta tanta acqua.

La cascata delle Marmore, con gli schizzi, il balcone degli innamorati e tanta tanta acqua.

Ecco, ricordatevi di scrivere subito cosa significa ogni disegno. Al momento sembra tutto chiaro, ma col passare del tempo potreste non ricordarvelo più…

One thought on “Il diario delle vacanze

  1. Pingback: Il planner per i compiti delle vacanze da scaricare | La Tartaruga

Rispondi