Il mio amico Asdrubale

Oggi post dedicato al venerdì del libro, un’idea di Homemademamma.

Tempo fa avevo dato una sfogliata al libro “Il mio amico Asdrubale” di Gianni Biondillo. Un centinaio di pagine e qualche simpatico disegno in bianco e nero.
Mi è sembrato così carino che l’ho preso.
A casa l’abbiamo letto tutti insieme ed è piaciuto tantissimo.

E’ la storia di Marco, un “bravo bambino normale” che va a scuola accompagnato dalla mamma in macchina, mette la maglietta della salute, gioca alla playstation e fa i compiti.
Poi c’è Mirka, quella “stramba”, lei a scuola ogni tanto c’è e ogni tanto non c’è. Quando c’è guarda sempre fuori dalla finestra e quando non è a scuola è al parco lì vicino e parla con gli alberi, soprattutto con uno che si chiama Asdrubale.

Marco e Mirka diventeranno amici e scopriranno di avere più cose in comune di quel che pensavano.
Mirka insegna a Marco ad arrampicarsi e a parlare con gli alberi, ad osservare lo scorrere delle stagioni ed a scoprire i tesori fra le piccole cose. Fino al giorno in cui, a causa dello smog, Mirka si ammala e Asdrubale è in pericolo perchè vogliono costruire in parcheggio. Toccherà quindi a Marco fare in modo che si salvino entrambi, combattendo per davvero e non più contro gli zombie alla play.

Una bella favola ecologista scritta in modo leggero e scorrevole, niente predicozzi o sparate da fricchettoni hippie.
Il libro è consigliato dai 6-7 anni, noi lo abbiamo letto che Leo ne aveva quattro e non ci sono stati problemi.
Sarà che l’ecologia e l’ambiente sono temi che in casa trattiamo spesso (ma và…) ma a Leo è piaciuto molto e ha voluto rileggerlo diverse volte anche le sere successive.
I bimbi più grandi potranno apprezzare anche gli altri temi del libro come l’amicizia, in particolare quella fra maschi e femmine.
Da far leggere anche a quelle mamme apprensive che vestono i bambini con canottiera, maglietta, camicia, felpa, giacca a vento – e che sia ben chiusa – che mi ricordano tanto qualcuno…*

Gianni Biondillo, scrittore e architetto, è noto soprattutto per i suoi romanzi gialli con protagonista l’ispettore Ferraro.
*, si sono io…

asdrubale

Rispondi