Lilo: il motore di ricerca che aiuta l’ambiente

Ci sono tanti modi per dare una mano all’ambiente.
Alcuni ci costano soldi, come finanziare un’associazione, ad esempio i Genitori Antismog, che da anni si battono per l’aria pulita a Milano. Pur essendo soldi bene spesi, non tutti possono permetterselo.

Alcuni ci costano impegno, si può diventare attivisti di una delle associazioni suddette oppure si possono attuare comportamenti virtuosi come scegliere di non usare l’auto o di comprare solo a km 0..
Altri invece non ci costano niente, come usare un motore di ricerca al posto di un altro.

Ogni giorno usiamo un motore di ricerca per decine e decine di volte, non per niente Google.com è il sito più visitato con quasi 30 miliardi di visite al mese.

Ecco, e se ogni volta che facciamo una ricerca finanziassimo un’associazione ambientalista ? oppure un progetto di utilità sociale ?

Sarebbe bellissimo… qualcuno ci ha pensato ed è nato LILO.

Come funziona Lilo ? Ogni volta che cerchiamo qualcosa usando Lilo ci appaiono dei link sponsorizzati, noi accumuliamo dei punti – le gocce – , ad ogni punto corrisponde un importo (che dipende da quanto ha investito lo sponsor) e noi possiamo donare i nostri punti a un’associazione, facendo in pratica una donazione di denaro offerto dallo sponsor.

Il motore di ricerca si basa su Google, Bing e Yahoo, quindi la ricerca funziona bene e i risultati sono rilevanti come usando Google.
Per utilizzare Lilo come motore di ricerca è sufficiente scaricare un’estensione per il browser (necessaria per poter avere il conteggio dei punti), io l’ho impostato anche come home page così ce l’ho sempre a portata di mano !

Non so dire se alla lunga funzionerà oppure no. Per adesso continuo ad usarlo, tanto non mi costa nient’altro che un click.

lilo.org

Rispondi