L’importanza della pianificazione

Gennaio, alzi la mano chi non ha ancora detto “quest’anno voglio avere più tempo per me, voglio andare in palestra, voglio smettere di mangiare schifezze, voglio lavorare meno e viaggiare di più..” ??
Quando inizia l’anno abbiamo tutti tanti buoni propositi che puntualmente vengono abbandonati dopo qualche settimana.

Un modo per riuscire a fare queste cose (o almeno a metterci sulla buona strada) c’è ed è LA PIANIFICAZIONE.

pianificazione

Benefici della pianificazione

A prima vista può sembrare una perdita di tempo o una cosa che ci imprigiona le giornate in una griglia, ma a fronte di un piccolo sforzo iniziale, pianificare ci gratifica con meno sprechi sia di tempo che di soldi e risorse (ecco come anche un calendario può aiutarci a vivere più green).

Pianificare le giornate: avere una lista delle cose da fare e decidere in quale momento della giornata farle, ci aiuta a non perdere tempo pensando “oh quante cose che devo fare, non so da che parte iniziare !”
Avere sott’occhio un elenco delle prossime incombenze permette di focalizzarci meglio su ogni singolo punto; sapendo già che abbiamo trovato un momento per svolgerli tutti non ci viene l’ansia di non riuscire a portarli a termine.
Non è detto che dobbiamo fare tutte le cose in un solo giorno, possiamo decidere di fare solo una o due cose “pesanti” al giorno e poi farne altre più leggere ad esempio. Oppure c’è chi preferisce levarsi di torno tutte le cose faticose nei primi giorni della settimana e poi rimanere scarico.
La cosa più difficile, secondo me, è stabilire con coerenza quanto tempo ci impiegheremo a portare a termine ogni punto della lista. Se pensiamo che il lavoro sia troppo lungo, possiamo anche suddividerlo in giornate successive.
Nella pianificazione non dimentichiamo di lasciare dello spazio libero per eventuali imprevisti e di allocare dello spazio per noi, come un bel bagno caldo e rilassante, un te con le amiche o la serata a pilates.

Pianificare i pasti: questa è una delle cose che consiglio sempre caldamente e che io non potrei farne a meno.
Inizio guardando il menu della scuola di Leo, in base a questo stabilisco cosa mangiamo la sera. Di conseguenza decido anch’io cosa preparare per il mio pranzo. In questo modo evito di proporre qualcosa che ha già mangiato a scuola e posso variare meglio i pasti e offrire più scelta.
Inoltre non perdo tempo davanti al frigorifero aperto pensando a cosa potrei cucinare.
Guadagno tempo, perchè se so che devo scongelare qualcosa o mettere i legumi in ammollo, posso farlo già la sera prima.
Ci guadagna anche il portafogli perchè so sempre cosa ho in casa e non lascio scadere il cibo o marcire le verdure.
Io preparo il mio menù settimanale il venerdì pomeriggio, così quando il sabato vado a fare la spesa posso comprare quello che mi manca.
Pianifico anche spuntini e merende, così posso tenere sotto controllo anche i fuori pasto ed evitare di mangiare schifezze improvvisate.

Pianificare le spese: questo sembra un punto difficile da fissare, perchè molto spesso le spese sono improvvise. Però possiamo fissare un budget mensile per ogni tipologia di spesa. Cibo, trasporti, shopping, bollette… i primi tempi ci sarà da aggiustare qualcosa, ma poi con il tempo impareremo a sapere quali sono le nostre spese fisse e a quanto ammontano. Quindi possiamo decidere se è il caso di tagliare qualcosa o se invece possiamo permetterci di mettere qualcosa da parte.
Come nel caso della pianificazione della giornata, inseriamo sempre delle voci per gli imprevisti.

Quali strumenti utilizzare per una buona pianificazione ?

Non esistono strumenti perfetti, ognuno deve decidere cosa è meglio per se. L’importante è iniziare.
Io uso un’agenda settimanale ma con anche una vista mensile, un calendario online condiviso con mio marito e un quadernino per appunti volanti.
Prossimamente scriverò un post sui pro e i contro (secondo me) di ogni tipologia di strumento.

Per me pianificare è fondamentale per guadagnare del tempo prezioso, che poi posso passare facendo qualcosa che mi piace e con le persone che amo, ma è anche un modo per vivere più consapevolmente il tempo e le risorse a mia disposizione.

Rispondi