Imparare le lingue online: la fortuna delle nuove generazioni

Ho fatto le superiori nella seconda metà degli anni 80.
Ho scelto il liceo linguistico, una scelta che ripeterei mille volte anche adesso. Adoro l’inglese: grazie ad una fantastica professoressa delle medie che mi ha insegnato tantissimo, non solo la lingua e la pronuncia, ma anche ad amare la Gran Bretagna.

imparare le lingue online

Quando andavo al liceo praticare la lingua non era una cosa semplice.
Per fortuna al liceo avevo ottimi insegnanti italiani e anche delle ore con insegnanti madrelingua con cui fare conversazione. Ma al di fuori dell’orario scolastico era praticamente impossibile parlare con qualcuno.

La principale “fonte” di inglese era la musica.
Bisognava comprare i dischi e le cassette con il libretto delle parole. O trovare qualcuno che l’avesse e copiarli (di solito a mano, le fotocopie le facevano solo le zie in ufficio, ovviamente fare le foto erano fuori discussione essendo tutte a rullino…).

TV sorrisi e canzoni era l’altra fonte per i testi delle canzoni, ma a quel punto bisognava accendere la radio e prepararci con il registratore, pronti a schiacciare i tasti REC e PLAY in contemporanea, sperando che nessuno in radio parlasse sopra la canzone.

I film si guardavano solo al cinema. Per anni ho fatto l’abbonamento a “Sound and Motion Pictures” dove tre cinema milanesi proponevano ogni settimana un film in inglese.

I giornali si leggevano solo in abbonamento. Ho avuto l’abbonamento a Newsweek e Times, non erano riviste facili da leggere per una ragazza di 15 anni, ma quello c’era…

D’estate, poi le vacanze studio. Tre settimane in college o in famiglia per parlare davvero l’inglese.
Io ci sono andata due volte, a 14 e 15 anni. A Londra, in college (avevo sentito troppe storie dell’orrore di chi era stato in famiglia) insieme alla mia amica storica.
Al mattino si faceva lezione, al pomeriggio attività. Il secondo anno addirittura potevo uscire da sola con la mia amica. A pensarci adesso mi si rizzano i capelli: a 15 anni in giro per Londra da sola… ma all’epoca mi sentivo sicura e di casa, giravo per Oxford Street manco fossi in corso Buones Aires !

Tutto questo era decisamente poco economico.

Solo dopo ho capito i sacrifici della mia famiglia per farmi andare al cinema tutte le settimane, ricevere le riviste, per non parlare delle vacanze studio.

Per fortuna adesso è tutto molto più semplice: possiamo imparare le lingue online e a costo zero !

Grazie a internet abbiamo la possibilità di un archivio pressochè infinito. Youtube e servizi di streaming come Netflix ci permettono di vedere film in qualsiasi lingua, con o senza sottotitoli.

Abbiamo la possibilità di leggere giornali, di ascoltare la radio.

Per non parlare dei voli lowcost

E i “pen pals“, gli amici di penna? Non so come, credo tramite la scuola, ero riuscita a recuperare un nome a cui scrivere. Dopo due lettere, che ci mettevano mesi fra andare e tornare, abbiamo smesso di scriverci.

Adesso grazie a forum, gruppi Facebook, ma soprattutto ai giochi online,  possiamo conversare in tempo reale con chiunque nel mondo.

Con Skype è possibile fare lezioni online, conversando con insegnanti a migliaia di chilometri di distanza restando nella propria stanza.

Anche i bambini, che adesso iniziano a fare le prime lezioni d’inglese già all’asilo, possono guardare i cartoni animati in lingua (ad esempio Peppa Pig ha frasi semplici anche sottotitolate). Molti giochi hanno la possibilità di suonare canzoncine in doppia lingua (https://www.chicco.it/prodotti-chicco/giochi/giochi-educativi-bilingue.html) e ci sono anche libricini bilingue.

Imparare una lingua richiede costanza, voglia di studiare e approfondire. Anche imparare le lingue online non ha cambiato l’impegno necessario, ma adesso non ci sono più scuse.

imparare le lingue online

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.