Adottare un animale domestico durante la pandemia

Negli ultimi mesi ho visto tanti miei amici e conoscenti adottare un animale domestico, in maggioranza un cane.
I vantaggi di avere un animale domestico sono noti: migliorano l’umore, favoriscono il rilassamento, il movimento e soprattutto danno tante tante soddisfazioni.
E questo particolare periodo sembra essere perfetto per un’adozione.

L’ansia che ci accompagna da un anno può essere “attenuata” accudendo un cane o un gatto, abbiamo molto più tempo fra smartworking, chiusure e DAD, avremmo la scusa per poter uscire a fare due passi… insomma, non mi stupisce che tanta gente abbia deciso di prendere un cane.
L’ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) conferma questo trend, con un aumento medio delle adozioni rispetto all’anno scorso del 15% che in alcune regioni arriva addirittura al 40% (http://www.enpa.it/it/80248/cnt/le-iniziative/boom-di-adozioni-di-cani-e-gatti-durante-il-lockdo.aspx).

All’inizio della pandemia era circolata la fake news che gli animali da compagnia potessero trasmettere il coronavirus e si è temuto per un aumento degli abbandoni. Per fortuna non è successo, anzi la tendenza è stata opposta.

Ma.
Perché c’è un ma.
Adottare un animale domestico, soprattutto un cane è un impegno ENORME. E lo dico con cognizione, ne ho avuto uno per 19 anni ! (Ciao Buck !)

Quando tutto questo finirà, quando ricominceremo a vivere FUORI dalle nostre case, quando riprenderemo ad andare in ufficio tutti i giorni tutto il giorno, riprenderemo a viaggiare, in aereo e in treno, quando riprenderà lo sport, la scuola e le sue attività…
Ci sarà ancora spazio per questi amici a 4 zampe, che tanto ci hanno dato durante il lockdown ?
Avremo ancora il tempo di portarli a fare la passeggiata 3 volte al giorno, con il sole e con la pioggia ? di scegliere le vacanze in modo che possa venire con noi ?

C’è da tenere conto anche delle spese, non solo per la pappa (che non è una spesa esagerata, specialmente se cuciniamo noi invece di comprare scatolette), ma anche delle spese per le visite mediche, delle vaccinazioni ecc… La pandemia ha messo in crisi molte attività e di conseguenza molte famiglie, spero che non siano proprio loro i primi a pagarne le conseguenze.

Spero proprio di no, e sono sicura che molti dei miei amici hanno pensato bene a tutti i pro e i contro prima di prendere un animale e non ci sarà nessun abbandono, ma con l’aumento dei numeri delle adozioni, il rischio aumenta.
Ricordiamoci che deve essere una scelta consapevole e non dettata dalle emozioni di questo particolare periodo.
Avere un animale che ci fa compagnia è meraviglioso, che sia lo stesso anche per gli animali nei nostri confronti !

Leo a 2 anni mentre cerca di dare un bacino a Buck, ma lui scappa…

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.